31 dic 2010

Le Ragazze Suonano anche nel 2011! (inverno 2011)

GLI EVENTI:
-per tutto l'inverno 2011, il primo mercoledì, alcune date presso il locale All'unaetrentacinque Circa di Cantù
-per tutto l'inverno Le Ragazze Suonano ospiti a Gourmet Quasi alla Frutta-Radio Cantù il lunedì sera dalle 21 alle 23. FM 89.600 
                -8 Marzo 2011: festa della Donna celebrata con un apertivo presso Il Gap di Cantù
-19 Marzo 2011: serata ad alto volume al Bebop Live Club di Como


 

3 Gennaio 2011-Le Ragazze Suonano e le Meme ospiti di Gourmet Quasi Alla Frutta-Radio Cantù
                      
5 Gennaio 2011-Martin The Villain live @ All'unaetrentacinque Circa
             
5 Gennaio 2011-Meme live @ All'unaetrentacinque Circa


31 Gennaio 2011-Le Ragazze Suonano e le Marshmellow Pies ospiti di Gourmet Quasi Alla Frutta-Radio Cantù


2 Febbraio 2011 - Marshmellow Pies live @ All'unaetrentacinque Circa


2 Febbraio 2011 - Maria Lapi live @ All'unaetrentacinque Circa


28 Febbraio 2011-Le Ragazze Suonano e i Bug&The Whatelotion ospiti di Gourmet Quasi Alla Frutta-Radio Cantù


2 Marzo 2011-Bug & The Whatelotion live @ All'unaetrentacinque Circa


 2 Marzo 2011-Emyl live @ All'unaetrentacinque Circa


  19Marzo 2011-Double-D live @ Bebop live club Como


 19 Marzo 2011-I pay for two persons live @ Bebop live club Como

03 dic 2010

Ilaria Pastore - Video Intervista



L'INTERVISTA

Cominciate con il raccontarci la vostra storia. Quando avete incominciato a suonare insieme? Come è nato il vostro progetto?
Io e Lucio suoniamo insieme ormai quasi da cinque anni. Abbiamo iniziato io e lui, poi tre anni fa si è aggiunto Antonio, e così abbiamo deciso di intraprendere questo percorso come trio. Ci siamo chiusi non so quante ore in sala prove per riarrangiare l'intero repertorio in tre. Sono tre anni che non ci fermiamo con i concerti.
Adesso è uscito il vostro nuovo disco. Tu prima dicevi che siete un pò penalizzati quanto a passaggi radiofonici, secondo te è perché alle radio preferiscono passare gli uomini oppure il motivo è un altro?
Penso che la ragione sia un’altra. Noi prima di tutto facciamo parte di un circuito indipendente, il che significa che abbiamo alle nostre spalle un'etichetta piccola che ha creduto nel progetto così come è, senza inscatolarlo in parametri radiofonici. Fuori da quei parametri difficilmente c'è il passaggio. Questione di cultura radiofonica, non so come chiamarla. Siamo penalizzati sicuramente perché non rientriamo negli standard richiesti dal mainstream, ma ci sono delle eccezioni. Alcune radio medie e piccole ci passano, ci chiamano, ci intervistano. E' un circuito diverso.
Fa parte di questo circuito anche internet? La rete vi garantisce degli appoggi più solidi rispetto ai mezzi convenzionali?
Certamente sì. Internet è innanzitutto visibilità. Anche solo la diffusione di un video di un live registrato bene ti permette di avere un sacco di contatti.
A quali altri gruppi o artisti del circuito a cui appartenete vi sentite affini?
Affini nelle idee e negli intenti te ne potrei citare tantissimi. Per quanto riguarda lo stile, per trovarlo ci siamo veramente ammazzati di lavoro. Premetto che oggi non inventa più niente nessuno, però abbiamo cercato di proporre un sound spogliato dalle influenze del nostro background.
Per arrivare a quello che avete ascoltato è fondamentale il fatto che siamo tre persone con gusti musicali diversi e ci siamo trovati a suonare così proprio perché ognuno ha portato con sè la propria esperienza. Ci siamo scambiati un po' le idee e le influenze, insegnandoci a vicenda generi e influssi.
Quali sono le vostre influenze?
Ilaria: Io ascolto di tutto. Sono cresciuta con tantissima musica d’oltreoceano e adoro la musica brasiliana. Ho avuto una passione per Ani Di Franco, ma ho iniziato con il metal, con i Metallica. Poi mi sono avvicinata alla musica jazz, a quella leggera e a quella elettronica.
Antonio: Non mi piace definirmi dentro ad un genere, mi piace ascoltare tutto. Anche se ho una passione naturale per le spazzole che con Ilaria riesco a usare in modo differente dalla modalità classica in cui vengono utilizzate. Al jazz mi sono avvicinato negli anni, però ho iniziato con il rock dei Led Zeppelin, dei Deep Purple, dei Queen.
Lucio: Anche io ascolto tutto, anche perché in conservatorio ho avuto modo di studiare molti generi, dalla classica al jazz. Quando ho potuto scegliere mi sono accostato alla musica leggera. Vado pazzo per la musica cantautorale italiana: Battisti, Fossati e, della nuova generazione, Niccolò Fabi e Samuele Bersani. Quando ho la possibilità di collaborare con artisti come Ilaria cerco di conoscerne la storia, in modo tale da essere in grado di tradurre in musica ciò che lei pensa. Le mie note hanno la responsabilità per i suoi testi
Quindi venite da tre mondi abbastanza diversi, mi sembra di capire che c'è stata difficoltà ad incontrarvi ma ne è valsa la pena.
Sì, anche se umanamente siamo distrutti, (risate collettive). In realtà è stato un lavoro durissimo, ci sono stati dei momenti anche di tensione perchè è stata dura capire come fare entrare delle persone nelle mie canzoni, ora se non ci sono loro queste canzoni non suonano allo stesso modo anche se le ho scritte io. Ilaria Pastore trio è un progetto che va in giro in tutta italia ininterrottamente da tre anni e questo è indice del fatto che siamo uniti e che abbiamo creato un sound vero.
Pensate che in Italia ci siano tante cantautrici?
Valide si, molte. Del mio circuito posso nominarne alcune: Giovanna Lubjan, Maria Lapi..Il problema è sempre lo stesso: non esiste un circuito disposto ad investire su questa figura oggi, perchè è il momento per altre cose, è un’epoca in cui la TV è al primo posto. Ci sono tanti musicisti, ma è lo spazio che manca
Secondo voi quali spazi dovrebbero esserci per dare luce a queste realtà?
Dovrebbe esserci innanzitutto rispetto per la musica vera.
Io vi dirò una cosa che magari vi stupirà. Penso anche che i locali siano veramente penalizzati dai costi della SIAE. Vedo locali che hanno sempre funzionato alla grande che oggi sono in crisi. Bisognerebbe prima di tutto portare la cultura dei concerti così spingi anche le persone ad uscire e aiuti i costi. Se il locale avesse la possibilità di fare musica dal vivo senza avere il cappio al collo saremmo tutti più felici. Probabilmente andremmo più spesso in un locale a sentire musica, cosa che è ormai sparita dalla nostra cultura. Giorni fa ho visto un programma dove c'erano ospiti Dalla e De Gregori, hanno fatto vedere dei filmati dei loro concerti negli anni Settanta, e c’era davvero un sacco di gente. All’epoca le persone avevano voglia di ascoltare musica. La gente è stanca non ha più voglia di uscire e sta a casa sul divano con la TV. Pensa che io ho il digitale terrestre, non ho più la tv, e sto benissimo!
Secondo voi, nonostante questo cambio di tendenza, suonare ancora live ha un senso?
Non sempre. Ci sono capitate delle situazioni in cui non abbiamo capito perché il gestore abbia deciso di fare musica dal vivo. Ci trattavano come se fossimo stati delle decorazioni.
Lucio: Non fare live per un musicista penso sia come un avvocato che non va in tribunale a discutere la causa
Antonio: Penso che non fare live sia come stare con una donna e non fare mai l'amore con lei.
Ilaria: Io non faccio esempi (risata collettiva) per me non è possibile non fare live. Ci sono vari ruoli, per esempio per un cantautore sono convinta che la musica dal vivo sia il naturale principio/conseguenza di tutto quello che fa. Il cantautore viene proprio dal fare musica in strada. Poi ci sono dei progetti discussi a tavolino che hanno come percorso un percorso discografico, e quella è un'altra cosa. Noi veniamo dai live e abbiamo fatto l'album dopo dieci anni di musica dal vivo. Il mestiere te lo fai in tanti anni in cui ti ammazzi di stanchezza, vieni insultato perché non piaci, cerchi di capire come migliorare, ti sporchi le mani: è dura fare il mestiere di musicista! Di cantautore poi non ne parliamo! Tu inventi una cosa chi ti dice che possa piacere? Un altro problema è che è un mestiere non minimamente riconosciuto nel nostro paese, quindi se tu non esisti che ruolo puoi avere?!
Secondo voi, adesso che con internet tutti si improvvisano musicisti, quale è il discrimine tra uno che fa il musicista perché gli piace e uno che lo fa professionalmente?
Ilaria: L'atteggiamento! Il fatto che studi, la didattica, la professionalità che ci metti. Puoi anche non essere un musicista eccellente a livello tecnico, ma puoi avere un grande talento e una grande professionalità e questo fa di te un musicista.
Lucio: Il problema è che secondo me la maggior parte degli artisti o presunti tali è che arrivano da zero a cento in un secondo senza quella cosa che c'è in mezzo che si chiama gavetta. E la gavetta è fare musica live in giro per l'Italia come fanno tutti i musicisti, come fanno tutti i cantautori del panorama italiano. È una forma di rispetto della nostra arte che è per noi anche un lavoro e come tutti i lavori chiede un minimo di gavetta.
I: Per noi è anche importante il pubblico. C’è tanta gente che ascolta musica, ascolta le parole e ti ringrazia per le emozioni che le hai dato. Solo che purtroppo è un atteggiamento che abbiamo perso perchè  è un momento storico difficilissimo. Noi suoniamo sempre, ci diamo da fare tantissimo, e durante i nostri concerti conosciamo un sacco di gente che ci portiamo dietro da anni.
Raccontateci del premio che avete vinto.
Ci è stato assegnato dal MEI e dal Festival Internazionale di poesia di Genova. Premia il mio disco per i testi, ed è stato un premio assolutamente inaspettato. Ringrazio chi ha preso questa decisione a mia insaputa, ne sono proprio felice perché i testi sono una cosa molto personale e ho lottato per non cambiarli. E poi è un segno: noi abbiamo paura di non avere visibilità ma non è così! Significa che la gente ascolta nei posti giusti. E ringraziamo non solo a nome nostro, ma anche a nome di tutto il circuito.

02 dic 2010

Warpaint - The Fool


Sono 4 folli o 4 dipinti di guerra. Anzi, sono 4 dipinti di guerra che parlano di 4 folli. Americane (e si sente) con un interessantissimo background di susseguirsi di membri male/female - tra i quali annoveriamo l'attuale chitarrista dei Peperoncini Piccanti Rossi e un'attrice tanto bella quanto poco conosciuta da "Le Regole dell'Attrazione".


E non è un caso io abbia scoperto questo groviglio di musica proprio oggi - mentre fuori nevica. Groviglio di sensi e sensazioni nordeuropee dal soleggiato underground italiano fatto di single-coils. Colei che annoda è la cantantessa. Fantastico connubio di qualcosa di celticamente in preda alla disperazione e di qualcosa di fatato e nevoso. Come la regina dei ghiacci dei cartoni. E le lande polverose e sciamaniche americane? I riff. Il mood. Come se venissero suonati dai Cure.


Hanno viaggiato e fanno viaggiare parecchio. Molto più low di una compagnia scomoda - proprio di quelle che con la neve lasciano i viaggiatori a piedi. Fasten Seat Belts del divano di casa e via. Si vola sopra la neve, sopra la pioggia, sopra la meraviglia della cattolica irlanda, la brughiera tanto brianzola quanto inglese ottocentesca e in un attimo sopra quel grande monumento che è la Monument Valley - col tempo londinese.


PLAYLIST:
- SET YOUR ARMS DOWN - abbassa quelle armi e segui il ritmo con lento movimento del capo e del corpo piano piano piano.            
- WARPAINT - e buttiamoci nella disperazione silenziosa senza speranza alcuna con un'occhio strizzato a quel modo dark goth meravigliosamente fuori moda, che qui apprezziamo tanto. 
 -UNDERTOW - Il sole del mattino sopra la neve. Quando i lavoratori stanno ancora nelle loro tane. O forse è solo vacanza.
- BEES - mi ricorda la Chiesa. La funzione domenicale con la corale di musicisti new ave, vestiti di nero. L'inno che si suonerebbe se il Carnevale fosse in Chiesa.

- SHADOWS - Se c'è un matto in questo LP è qui. Con quelle matte chitarre meravigliosamente pop-melò d'idoli bruciati da sole e vento. Capitali bruciate dal vento e la speranza che se ne va - per la serenità che dona il non averne più. 
- COMPOSURE - Mister D(el)ay
- BABY - appendiamo i Chorus e i reverser al chiodo. Back to the roots of acustic sweet music. Ballata per la ninnananna?

- MAJESTY - 
- LISSIE'S HEART MURMUR - Per provare che le donne in musica non si dimenticano mai del loro pianoforte.


CONSIGLI PER L'USO:

- in caso di neve (tanta) e la vostra automobile è bloccata e i mezzi vi sembrano così caotici e puzzolenti



TANTO BELLO DA:

- rispolverare un po' di sana malinconia di quando si avevano 16 anni.


INDA

Sara Cappelletti - Video Intervista

30 nov 2010

Omissis/Jamesir/The Rockaway Peaches - Video Intervista

The Cranberries - Everybody else is doing it so why can't we (1991)


1991 ultimi profumi ed umori eities.
1991 brezza confusa '90ies.
i cranberries quando erano giovani. quando erano depressi, quando erano incazzati. quando ascoltavano gli smiths e lodavano il signore nella verda e cattolica irlanda. i cranberries che sono stai il mio loop nello stereo da teenager. i cranberries che mi hanno fatto sognare la lespaul nera e la 335 rossa. i cranberries di dolores tanto acneadolescente quanto brava (ora decisamente bellaebbrava) I STILL DO noel docet how to us the CHORUSSSS. Magistrale intro.
Se già ci sembrava di stare un po' negli anni 80 con DREAMS ne siamo proprio sicuri. Il colpo di rullo ha i capelli cotonati. Peccato che la voce abbandoni l'essere gay friendly (se non proprio gay gay gay) e ci ricordi quella ragazzina che cantava nel coro della chiesa. Quella vestita un po' da sfigatella. Col colletto bianco. Ma con la voce da brivido. E grazie a Dio la buona Dolores agli inni sacri preferisce gibson e valvole. E l'essere incazzata. E l'essere depressa. Così in Doc Martens esce dalla chiesa sbattendo la porta. Di Domenica. SUNDAY "You mystify me you mystify me". E sogna dell'amore e del dolore "And I couldn't find the word to say I love you".
PRETTY. Alle donne che belle non si sentono. E' proprio vero. Se ti senti bella, sei bella davvero. E questo giro di basso ti intra nelle vene proprio mentre ti metti il rimmel. E la matita. Proprio quando baci lo specchio...
"you're so pretty the way you are."
Non si sorride in questo album. Tra chiese e baci allo specchio ti chiedi dove hai lasciato la lametta. Non si sa mai.
E WALTZING BACK chitarre acide. Batteria e piatti ci fanno capire che il Drummer ha i numeri. E non solo. Riffettini dai dischi degli Smiths. E grazieadiodireianche. Non c'è la voce di Morrissey ma Dolores è altrettanto magnetica. Sia lodato Gesù Cristo.
Se ancora non abbiamo capito che dolores ha dei conflitti irrisolti, dei rancore e via dicendo, arriva NOT SORRY a schiarirci le idee, che ci chiude nell'ade. E butta la chiave. La voce di Dolores, sussurro canto di sirene, incanta. E inermi la seguiamo in un vortice di dolore e disperazione, compiaciuti della scelta fatta. 
Sole sole sole. Malato. Ma sole. LINGER. Il primo bacio. E beata Dolores. Il mio è stato pessimo.
WANTED! ROCCKAROLLA.... ebbene si.La spinta rock rock rock si fa sentire. E scuote in po' il mesto animo di noi abitanti depressi dell'ade. Aspettiamo Orfeo.
Che sicuramente non arriva in STILL CAN'T RECOGNISE. Ma tanto di capello alle chitarre. Eccelso intreccio di killer riffs and rhytms.
I WILL ALWAYS. Il nostro orfeo è miele sdolcinato. Uff.
HOW HOW HOW gioiello. GIoiellino di ritmica. testo. suoni e incazzatura.
PUT ME DOWN. Il nostro Orfeo rinsavisce. E ci innamoriamo. Di brutto. Mannaggia a sti Humbucker 335. E a sto maledetto surrurro della O'RIordan.
Regaluccio per chi possiede la COMPLETE SESSION 1991-1993
REASON... splendida ritmica di batteria e buonisisme intenzioni del
poco dotato noel hogan.
THEM. Potevano evitarla.
WHAT YOU WERE. Ipnotico basso e lamento di vocechitarra.
nessuna parola in più.
LIAR... se non avessiamo ancora ben chiare le influenze del signor Morryssey.
PRETTY REMIX. Bellissima. Con l'originale.
HOW REMIX. Gustosa. Vivo consiglio per ogni DIGGEI.

BELLO DA CREDERE CHE DOLORES SIA BELLA DA PAURA.
UTILIZZO CONSIGLIATO: amori non corrisposti. E quando piove piove
piove. E quando siete in rotta di collisione con santa madre chiesa.

trust me.
INDA



The Organ - Grab That Gun (2004)


Prima recensione per l'eccessiva, l'assente e la paziente corrosiva. The Organ GRABTHATGUN unici 11 brani ascoltabili in loop abbastanza da scriverci qualcosina sopra.
Voce alla Morrissey. Anzi è la voce di Morrissey, se fosse stato una donna. Cupe malinconiche fredde sofferte melodie che in testa ti si fissano come quelle canzoni anni '80 che hai sentito dai tuoi fratelli grandi e ti sembra di conoscerle da una vita. Batterista straight. La mia di batterista è molto meglio. La fantasia un po' scariseggia. Un po' meglio la bassaia. Lineare e qualche slancio creativo qui e la. Chitarrista ci insegna come settare un suono tra telecaster acidosa single coil graffiante fastidioso e bel vox valvoloso. Chorus di vent'anni che ancora oggi fa sognare chi negli anni 80 era in carrozzina. Nulla da fare. Capelli cotonati duran duran spandau ballet sono nel nostro codice genetico. Organo. Hammond a quanto dicono. Diventa parte del tutto e ci sta da Dio. Da Dio anche perchè porta alla mente antichi ricordi di messe domenicali quando magari si cantava nel coro della chiesa. Prese singolarmente le 5 canadesi non sono nulla di che, con la fantastica eccezione della voce. Quel che sanno creare è magnetico quasi. Il primo brano BROTHER... killer riff e "We have got to take cover brother" risuonerà nella testolina nei momenti più impensati...in STEVEN SMITH (sarà un caso??) la malinconia già percepita in Brother raggiunge alti livelli. E qualche lacrimuccia per questo meraviglioso pezzo (il migliore dell'album) la verserete. A SUDDEN DEATH. Cupissimo testo, gran bel riff di chitarra e magnetica voce "I died a sudden death..." I AM NOT SURPRISED, momento più solare dell'album. Sole comunque malaticcio "I know that you're near but I feel alone even when you're here...". Terzultimo brano NO ONE HAS EVER LOOK SO DEAD. Un insistente senso di morte anche in questa canzone dalla dolce melodia (sarà forse il titolo?!?!?).... MEMORIZE THE CITY, quasi in chiusura  la chitarra ci regala il più bell riff dell'album e un meraviglioso Chorus sulla voce. Canzone che quasi strappa qualche mesto sorriso all'ascoltatore che nell'ultima HIDDEN TRACK di 36 secondi d'organo  viene bruscamente riportato sui banchi della chiesa della messa domenicale dal quale eravamo partiti. 

GIUDIZIO PERSONALISSIMO: BELLO DA SPENDERE 110 EURO E COMPRARSI IL SUPER CHORUS DELLA BOSS. (Su mercatino musicale lo trovate usato anche a 60)
UTILIZZO CONSIGLIATO: quando siete in stanzetta a piangere dei vostri amori non corrisposti o dei conflitti adolescenziali irrisolti. O da spararvi a tuono nel lettore mp3 durante la messa della domenica.

INDA



I Blame Coco - The Constant


L'elettropop è un genere musicale che, negli ultimi anni, ci ha regalato delle reginette forti e decise dall’aspetto androgino: Elly Jackson, la carismatica cantante dei La Roux; Robyn, la stellina dell’elettronica svedese;  e adesso lei, Coco Sumner, leader del gruppo I Blame Coco.

Classe 1990, una carriera parallela da modella, Eliot Pauline Styler Sumner  ha un viso glaciale e intenso e un timbro di voce bellissimo, rauco, quasi maschile, entrambi doni del suo famosissimo padre. Sì, perché la bella Coco altro non è che la figlia di Sting e di Trudy Styler.
Un’eredità che non crea imbarazzanti confronti, perché padre e figlia fanno due generi molto diversi, neanche lontanamente paragonabili tra loro. The Constant, il disco d’esordio di I Blame Coco, è molto differente per stile e mood a qualsiasi disco presente nella discografia dei Police.
Registrato in Svezia, The Constant è un album elettropop orecchiabile ma maturo, grazie alla voce scura e ambigua di Coco, che conferisce ad ogni brano un retrogusto malinconico, nonostante gli arrangiamenti da dancefloor. La forza del disco sta proprio in questo: un delicato equilibrio tra melodie piacevoli e leggere e sonorità ipnotiche e plumbee.
L’interpretazione vocale è così intensa che i brani funzionano benissimo anche nella versione acustica, solo chitarra e voce, privati di qualsiasi orpello sonoro (date un’occhiata su You Tube!). Le vere perle sono sicuramente Self Machine, In Spirit Golden e Caesar, brano che vede la preziosa collaborazione di Robyn.
Con questo esordio, Coco Sumner si è dimostrata una ragazza decisa, che sa quello che vuole e che riesce a farcela. Anche senza l’aiuto di papà.

Sofia Marelli



31 ott 2010

Le Ragazze Suonano continua... (autunno 2010)

GLI EVENTI:
-dal 17 al 19 Settembre 2010: MOA Music On Air, fiera della musica a Villa Erba, Cernobbio
-per tutto l'autunno 2010, il primo mercoledì del mese e non solo, alcune date presso il locale All'unaetrentacinque Circa di Cantù
-26 Novembre 2010: serata ad alto volume allo Shelter Rock Pub Live di Lipomo 


17 Settembre 2010-Presentazione del progetto Le Ragazze Suonano durante il MOA 

18 Settembre 2010-Roberta Minniti+InDa live presso lo stand di Musica In Rete al MOA

19 Settembre 2010-Presentazione del libro e documentario "Il corpo delle donne" con Lorella Zanardo presso il MOA

6 Ottobre 2010-Roberta Carrieri live @ All'unaetrentacinque Circa

12 Ottobre 2010-InDa live @ All'unaetrentacinque Circa

12 Ottobre 2010-Chris Pureka live @ All'unaetrentacinque Circa

3 Novembre 2010-Gretels live @ All'unaetrentacinque Circa

3 Novembre 2010-Ila & The Happy Trees live @ All'unaetrentacinque Circa

26 Novembre 2010-The Rockaway Peaches @ Shelter Rock Pub Live

26 Novembre 2010-Jamesir @ Shelter Rock Pub Live

26 Novembre 2010-Omissis @ Shelter Rock Pub Live
1 Dicembre 2010-Sara Cappelletti @ All'unaetrentacinque Circa
1 Dicembre 2010-Ilaria Pastore @ All'unaetrentacinque Circa


Per vedere tutte le foto degli eventi aggiungici su Facebook, "Le Ragazze Suonano", o visita il nostro Myspace, www.myspace.com/leragazzesuonano

28 ott 2010

Le Ragazze Suonano! Dal 16 al 19 Giugno 2010

Riassunto visivo della prima edizione del festival femminile Le Ragazze Suonano!

19 Giugno 2010 Quarta Serata del Festival
NADA



19 Giugno 2010 Quarta Serata del Festival
RUTH GERSON



18 Giugno 2010 Terza Serata del Festival
PAOLA TURCI



18 Giugno 2010 Terza Serata del Festival
VIOLANTE PLACIDO



17 Giugno 2010 Seconda Serata del Festival, serata band emergenti
NEW CHERRY
VICTOR WARHELL
GRETELS
MARTIN THE VILLAIN
THE NEW THEORY


16 Giugno 2010 Prima Serata del Festival, serata musica classica
CHIOSTRO VOCALE
QUARTETTO D'ARCHI

28 mag 2010

Le Ragazze Suonano


16/06 – Basilica di Galliano in Cantù

h. 21.00 quartetto d’archi con NUOVA SCUOLA DI MUSICA CANTU’

h. 22.00 coro CHIOSTRO VOCALE di Vimercate

17/06 – Skate Park di Vighizzolo @ Centro SportivoToto Caimi

h. 21.00 concerto emergenti: Gretels + Victor Warhell + Sara’s + TnT

h. 22.00 concerto: THE NEW CHERRY PEDRO'S IMENEZ

h. 23.30 Performance Teatrale “NB Nota Bene”

18/06 – Piazza Garibaldi

h. 21.30 concerto: VIOLANTE PLACIDO

h. 22.30 concerto: PAOLA TURCI

19/06 Piazza Garibaldi

h. 21.30 concerto: RUTH GERSON (usa)

h. 22.30 esibizione: DRUM DANCE WOMEN COMPANY

h. 22.30 concerto: NADA e ZAMBONI

Programma delle conferenze:

18/06 – Corte San Rocco

h. 18.30 – conferenza a tema “Donne e Musica” con Daniela Dalzotto

19/06 – Corte San Rocco

h. 18.30 – conferenza a tema “Donne e Musica” con Antonio Silva e Nada