02 dic 2010

Warpaint - The Fool


Sono 4 folli o 4 dipinti di guerra. Anzi, sono 4 dipinti di guerra che parlano di 4 folli. Americane (e si sente) con un interessantissimo background di susseguirsi di membri male/female - tra i quali annoveriamo l'attuale chitarrista dei Peperoncini Piccanti Rossi e un'attrice tanto bella quanto poco conosciuta da "Le Regole dell'Attrazione".


E non è un caso io abbia scoperto questo groviglio di musica proprio oggi - mentre fuori nevica. Groviglio di sensi e sensazioni nordeuropee dal soleggiato underground italiano fatto di single-coils. Colei che annoda è la cantantessa. Fantastico connubio di qualcosa di celticamente in preda alla disperazione e di qualcosa di fatato e nevoso. Come la regina dei ghiacci dei cartoni. E le lande polverose e sciamaniche americane? I riff. Il mood. Come se venissero suonati dai Cure.


Hanno viaggiato e fanno viaggiare parecchio. Molto più low di una compagnia scomoda - proprio di quelle che con la neve lasciano i viaggiatori a piedi. Fasten Seat Belts del divano di casa e via. Si vola sopra la neve, sopra la pioggia, sopra la meraviglia della cattolica irlanda, la brughiera tanto brianzola quanto inglese ottocentesca e in un attimo sopra quel grande monumento che è la Monument Valley - col tempo londinese.


PLAYLIST:
- SET YOUR ARMS DOWN - abbassa quelle armi e segui il ritmo con lento movimento del capo e del corpo piano piano piano.            
- WARPAINT - e buttiamoci nella disperazione silenziosa senza speranza alcuna con un'occhio strizzato a quel modo dark goth meravigliosamente fuori moda, che qui apprezziamo tanto. 
 -UNDERTOW - Il sole del mattino sopra la neve. Quando i lavoratori stanno ancora nelle loro tane. O forse è solo vacanza.
- BEES - mi ricorda la Chiesa. La funzione domenicale con la corale di musicisti new ave, vestiti di nero. L'inno che si suonerebbe se il Carnevale fosse in Chiesa.

- SHADOWS - Se c'è un matto in questo LP è qui. Con quelle matte chitarre meravigliosamente pop-melò d'idoli bruciati da sole e vento. Capitali bruciate dal vento e la speranza che se ne va - per la serenità che dona il non averne più. 
- COMPOSURE - Mister D(el)ay
- BABY - appendiamo i Chorus e i reverser al chiodo. Back to the roots of acustic sweet music. Ballata per la ninnananna?

- MAJESTY - 
- LISSIE'S HEART MURMUR - Per provare che le donne in musica non si dimenticano mai del loro pianoforte.


CONSIGLI PER L'USO:

- in caso di neve (tanta) e la vostra automobile è bloccata e i mezzi vi sembrano così caotici e puzzolenti



TANTO BELLO DA:

- rispolverare un po' di sana malinconia di quando si avevano 16 anni.


INDA

Nessun commento:

Posta un commento